Il piano i2010 del 2005

Categoria principale: Interoperabilità
Visite: 2025

Precedente alla Digital Agenda il documento di riferimento è stato il piano i2010 eGovernment Action Plan della Commissione Europea, che già individuava l'interoperabilità tra i “Key Enablers”, ovvero fattori chiave abilitanti l'erogazione di servizi di e-government a valore.

 

i2010Il piano "i2010 – Una società europea dell’informazione per la crescita e l’occupazione" per il periodo 2005-2010 definisce gli orientamenti strategici per promuove un’economia digitale aperta e competitiva e conferisce alle TIC un ruolo di primo piano nella promozione dell’inclusione e della qualità della vita.

La Commissione con i2010 individua tre priorità per le politiche europee della società dell’informazione e dei media:

Con riferimento al primo punto - la creazione di uno spazio unico europeo dell’informazione - si individuano le seguenti quattro principali sfide collegate alla convergenza digitale:

E in particolare "la convergenza digitale richiede l’interoperabilità delle apparecchiature, delle piattaforme e dei servizi. La Commissione intende utilizzare tutti gli strumenti a sua disposizione per favorire le tecnologie della comunicazione, per mezzo della ricerca, della promozione di standard aperti, del sostegno al dialogo tra soggetti interessati e, ove necessario, per mezzo di strumenti vincolanti. Questa combinazione di politiche è stata alla base del successo della telefonia mobile europea. Nell’ambito dell’iniziativa i2010, la Commissione tenterà inoltre di stabilire una strategia globale per una gestione efficace e interoperabile dei diritti digitali."

Si rinvia al sito di riferimento per i2010 per ulteriori approfondimenti dei documenti elaborati e delle azioni sviluppate.


Altri articoli

<= Articolo precedente Articolo successivo  =>
Il piano i2010 Il piano eEurope 2005